Chiara Zizola si diploma nel 1993 in conservazione dei dipinti, stucchi e superfici architettoniche presso l’ICR, Istituto Centrale per il Restauro di Roma (attuale ISCR); l’anno seguente si specializza presso lo stesso istituto in conservazione della pietra e dei mosaici.
Nel corso del periodo formativo coltiva il suo acceso interesse per lo studio delle tecniche di lavorazione originali e dei materiali costitutivi attraverso l’analisi materiale e delle fonti, interesse che sfocia nella sua tesi di diploma sul restauro degli affreschi medioevali dell’Antico Testamento dell’Abbazia di San Pietro in Valle a Ferentillo e che non smetterà mai di coltivare.

Nella professione predilige un approccio metodologico e tecnico di stampo umanistico ispirato alla disciplina della conservazione preventiva e all'utilizzo di materiali tradizionali.

Nel corso di oltre 25 anni di attività nel CCA ha partecipato a trenta progetti di conservazione su materiali diversi, potendo continuare ad approfondire le sue conoscenze.
Ha curato sul posto i progetti di conservazione del CCA a Zeugma, Turchia; Radà,Yemen e S. Caterina nel Sinai.